Nuove prove sono state portate alla luce quasi 4 mesi dopo l’esplosione del sottomarino Titano con persone a bordo

Nuove informazioni emergono sull’evento tragico che ha coinvolto il sottomarino Titan.

Esploso mentre si trovava in una missione per esplorare il sito del naufragio del Titanic il 18 giugno dello stesso anno, causando la morte di tutti e cinque i passeggeri a bordo.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti sta ancora conducendo un’indagine su questa tragedia. La Guardia Costiera ha pubblicato un aggiornamento sulle indagini, rivelando dettagli cruciali.

Il 4 ottobre, ingegneri specializzati in sicurezza marittima del Marine Board of Investigation (MBI) della Guardia Costiera

hanno recuperato con successo i resti del sommergibile Titan e le prove rimaste dal fondale dell’Oceano Atlantico settentrionale.

Questa operazione è stata eseguita in collaborazione con il Sovrintendente per i Recuperi e le Immersioni della Marina degli Stati Uniti.

Nuove prove sono state portate alla luce quasi 4 mesi dopo l'esplosione del sottomarino Titano con persone a bordo

Inoltre, il 4 ottobre, investigatori dell’ente per la sicurezza nei trasporti degli Stati Uniti e dell’ente per la sicurezza nei trasporti del Canada si sono uniti all’operazione.

Nel corso del recupero, sono stati scoperti ulteriori resti umani presumibilmente appartenenti ai passeggeri del Titan, i quali sono attualmente sottoposti a esami da parte delle autorità mediche.

Il MBI sta collaborando con l’NTSB e le agenzie investigative straniere per pianificare una valutazione congiunta delle prove derivate dal relitto del Titan.

Nuove prove sono state portate alla luce quasi 4 mesi dopo l'esplosione del sottomarino Titano con persone a bordo

Al fine di stabilire i passi successivi, inclusi ulteriori test forensi e interviste.

Questa è la seconda operazione di recupero di successo condotta dalla Guardia Costiera, la prima avvenuta il 28 giugno, appena dieci giorni dopo la segnalazione della scomparsa del sommergibile.

Durante il primo recupero, sono stati ritrovati dei resti umani presumibilmente appartenenti ai passeggeri del Titan, e tali resti sono stati estratti dal relitto con la massima cura.

Nuove prove sono state portate alla luce quasi 4 mesi dopo l'esplosione del sottomarino Titano con persone a bordo

Successivamente, i resti del Titan e le prove raccolte sono stati portati dal Canada agli Stati Uniti per un’approfondita analisi.

Il sottomarino Titan di OceanGate Expeditions era stato progettato per immergersi a oltre 13.000 piedi sotto la superficie terrestre e resistere a enormi pressioni.

La missione del Titan era quella di esaminare il relitto del Titanic, situato a circa 2,5 miglia sotto la superficie dell’oceano.

Nonostante il fatto che il Titan disponesse di una fornitura di ossigeno di 96 ore, perse il contatto con l’operatore appena due ore dopo essere stato immerso.

I cinque passeggeri del Titan erano Hamish Harding, Shahzada Dawood, Suleman Dawood, Paul-Henri Nargeolet e Stockton Rush, tutti esploratori appassionati impegnati nell’esplorazione marina.

OceanGate ha espresso la sua profonda tristezza e le condoglianze alle famiglie delle vittime.

Tanto la Guardia Costiera che OceanGate avevano già dichiarato a giugno che tutti e cinque i passeggeri erano purtroppo deceduti,

ritenendo che il campo di detriti ritrovato fosse consistente con l’implosione catastrofica del sommergibile.

Sei giorni dopo tale dichiarazione, la Guardia Costiera aveva iniziato il primo sforzo di recupero, dando il via a un doloroso capitolo di questa tragica vicenda.

Vota l’articolo
Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Potrebbe piacerti anche