Le gemelle specchio si incontrano il 25% delle volte e la loro mamma ha notato una caratteristica sorprendente nelle sue figlie gemelle

Leah Sullivan, 4 anni, e Erin Sullivan vivono nel villaggio scozzese di Inverness.

Dopo che la loro madre ha riconosciuto un tratto notevole nella crescita e nel comportamento delle ragazze, le gemelle sono diventate famose.

Questo fenomeno, secondo Zoya, 42 anni, è “due facce della stessa medaglia”. Dalla divisione dei loro capelli al modo in cui usano le posate, Leah ed Erin fanno tutto esattamente all’opposto.

Le gemelle specchio si incontrano il 25% delle volte e la loro mamma ha notato una caratteristica sorprendente nelle sue figlie gemelle

Le gemelle dormono rivolte in direzioni diverse nella stessa posizione. Nelle foto, Leah di solito si trova a sinistra e Erin a destra.

Le ragazze sembrano guardarsi allo specchio, mentre camminano e interagiscono l’una con l’altra.

Le gemelle sono radicalmente diverse l’una dall’altra per natura, come se fossero destinate a essere un paio.

Le gemelle specchio si incontrano il 25% delle volte e la loro mamma ha notato una caratteristica sorprendente nelle sue figlie gemelle

Gli esperti si riferiscono a questo fenomeno come “gemelle specchiate”.

Questo termine è utilizzato per descrivere gemelli con tratti distintivi come nei nei di nascita, mani dominanti o altre caratteristiche opposte che si abbinano come se stessero guardando uno specchio.

Le gemelle specchio si incontrano il 25% delle volte e la loro mamma ha notato una caratteristica sorprendente nelle sue figlie gemelle

Circa il 25% di tutte le coppie di gemelli identici sperimenta questo fenomeno.

Non è noto cosa causi il fatto che alcuni fratelli si specchino l’un l’altro. Si pensa che ciò accada quando l’ovulo si divide più tardi nel processo di fecondazione.

Tra 4 e 8 giorni dopo il concepimento, un ovulo fecondato si divide in due embrioni, producendo gemelli identici.

Si pensa che le gemelle specchiate siano il risultato della separazione dell’ovulo in un momento successivo, tra il nono e il dodicesimo giorno.

Ma questa teoria non è ancora stata dimostrata dalla scienza.

Vota l’articolo
Ti piace questo post? Per favore condividi con i tuoi amici:
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Potrebbe piacerti anche